Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito



Intervista a Amnon Barzel - 1988

WEB TV / PECCI VINTAGE



condividi


Amnon Barzel è stato il primo direttore a guidare il Centro Pecci.

Ascoltate l'idea di centro per l'arte contemporanea e la sua presentazione della prima mostra organizzata nel 1988: Europa Oggi.

Rivivete questi 30 anni visitando Il museo immaginato. Storie da trent'anni di Centro Pecci la mostra inaugurata il 21 settembre 2018.

 

Con la direzione artistica iniziale di Amnon Barzel (1986 - 1992, prima consulente per la Collezione Gori nella vicina Fattoria di Celle) la proposta culturale del Centro Pecci ha acquisito subito un taglio multidisciplinare, inaugurando la propria sede con l'esecuzione dell'opera Ofanímscritta e diretta per l'occasione da Luciano Berio, e una dimensione marcatamente internazionale. Ad ampie panoramiche sull'Arte contemporanea nell'Europa occidentale (Europa Oggi, 1988), sugli Artisti russi contemporanei (1990, prima mostra fuori dall'URSS a pochi mesi dalla caduta del muro di Berlino) e selezioni dedicate a Una scena emergente italiana e Artisti olandesi contemporanei (1991), si sono alternate collettive sui generi dell'installazione (Spazi '88, 1988) e della fotografia contemporanea (Un'altra obiettività, 1989), sul tema dell'identità contemporanea (Altrove, 1991-1992) e grandi mostre personali di Enzo Cucchi (1989), Julian Schnabel (1989-1990), Mario Merz (in concomitanza con il Castello di Rivoli, 1990), Vito Acconci (1992), Gilberto Zorio (1992). Nel 1991 è stato realizzato un Omaggio a Enrico Coveri, enfant prodige della moda italiana nato a Prato nel 1952 e scomparso prematuramente a Firenze nel 1990.

 

Fra il 1990-1991 e il 1992-1993 Barzel ha presentato anche le prime acquisizioni di opere in due mostre specifiche sulla Collezione. Fra i lavori acquisiti in occasione delle mostre si segnalava quello di un emergente Anish Kapoor. Mentre dava Cartabianca a giovani curatori per proporre una serie di giovani artisti, fra il 1991-1992 il Centro Pecci istituiva anche il primo esempio in Italia di "Scuola per curatori d'arte contemporanea", promosso con fondi speciali europei. Da quel primo corso sperimentale sono uscite figure di rilievo internazionale come Hou Hanru e l’attuale direttrice del Centro Pecci, Cristiana Perrella. Fra gli Avvenimenti si segnalavano un Experimental Rock Festival (17-30 settembre 1988) e Improvvisazione libera: esperienza musicale per 70 solisti ideata da Giuseppe Chiari (29 settembre 1990); ha fatto storia inoltre il primo concerto fondativo del Consorzio Suonatori Indipendenti (Maciste Contro Tutti, Prato 18 settembre 1992). Dal 1990 il Centro Pecci ha organizzato il Festival delle Colline promosso, insieme ad altri, dal Comune di Poggio a Caiano, che ha visto esibirsi nel teatro di Gamberini musicisti come Robert Fripp (1990) o John Cale (1991).

 

 

Montaggio: Maria Teresa Soldani

Immagini di repertorio: Carlo Gianni e Filippo Sileci

Si ringrazia la RAI






vedi anche
MOSTRE / PECCI 30
22 settembre 2018—25 giugno 2019
Il museo immaginato. Storie da trent’anni di Centro Pecci