Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Firenze #1

Così ti ha fatto Dio e così ti devo tenere

MOSTRE / TU35



5—21 giugno 2015

A cura di Filippo Bigagli, Annalisa Foglia e Gabriele Pantaleo, con il contributo di Lorenzo Bruni

condividi



informazioni

Secondo appuntamento di TU35-Geografie dell'arte emergente in Toscana, dedicato agli artisti attivi sul territorio della provincia di Firenze. Il titolo della mostra è tratto da un’opera di uno degli artisti partecipanti - Gabriele Mauro - che i curatori hanno trasformato in un quesito da porsi in relazione alla città di Firenze. La “questione” non rappresenta un punto di arrivo, piuttosto è un mezzo per instaurare una nuova piattaforma di dialogo su come proporre una trasformazione della città e della sua percezione. Le opere scelte non solo si confrontano con le contraddizioni della tradizione, ma propongono un suo superamento attraverso continui interventi nella realtà cittadina.
I curatori hanno effettuato più di 40 studio visit, constatando che “l’immagine da cartolina” di Firenze ancora oggi condiziona e influenza fortemente il rapporto con l’idea di arte, e se da un lato la città è un luogo soffocante per gli artisti che ci vivono, dall’altro rimane una calamita per studenti e turisti di tutte le nazionalità. Gli artisti selezionati, molti dei quali dividono il loro tempo tra la Toscana e l’estero, fanno capire che loro “non se la vogliono tenere così” questa città ma che, al contrario, intendono creare un dibattito acceso sul territorio fiorentino. Questa riflessione si rispecchia anche nella “grammatica” dei loro lavori; da un lato indagano il rapporto tra opera e supporto, dall’altro evidenziano tutti quegli elementi al di fuori della fisicità dell’opera, tutto ciò che sta attorno, tutto ciò che è rumore di fondo.

 

Opere di Francesca Banchelli, Marco Castelli, Stefano Cesarato, Lorenzo Cianchi, Lek M. Gjeloshi, Guerrilla SPAM, Pietro Manzo, Gabriele Mauro, Mona Mohagheghi, Giovanni Ozzola.


TU35
Geografie dell’arte emergente in Toscana

Un progetto organizzato dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci con Officina Giovani di Prato per sondare, captare e indagare le energie creative che ci circondano, dando spazio a sperimentazione, trasversalità e commistione di discipline artistiche e linguaggi creativi, dall’arte visiva alla musica, dal cinema al video, dal multimedia al design.

La prima tappa del progetto TU35 è stata l’apertura di una open call pubblica per curatori toscani sotto i 35 anni, ma anche italiani e stranieri che hanno scelto la Toscana come luogo di produzione e lavoro. Nella ricognizione sono state coinvolte le dieci province toscane: Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Prato e Siena, per avere uno sguardo il più capillare possibile e per una mappatura completa ed eterogenea. Le mostre si sono tenute ad Officina Giovani, ex-Macelli Pubblici di Prato.
Il Centro Pecci ha ricevuto 45 candidature e sono stati selezionati 23 curatori e 2 collettivi: Alessandra Ammirati, Francesca Biagini, Filippo Bigagli Niccolò Bonechi, Laura Capuozzo, Antonella Catarsi, Annalisa Foglia, Federica Forti, Alessandro Gallicchio, Claudia Gennari, Alessia Lumini, Elena Magini, Stefania Margiacchi, Margherita Nuti, Gabriele Pantaleo, Gino Pisapia, Angelo Renna, Stefania Rinaldi, Chiara Ruberti, Matteo Teodori, Serena Trinchero, Saverio Verini, Špela Zidar e i collettivi ones. office – a non exhibition space e Trial Version. I curatori sono affiancati da 5 tutor: Giacomo Bazzani, Lorenzo Bruni, Pietro Gaglianò, Matteo Innocenti e Alessandra Poggianti.
In occasione della ricognizione TU35 – Geografie dell’arte emergente in Toscana è stato creato un blog sempre aggiornato e consultabile all’indirizzo tu-35.tumblr.com Un’attiva piattaforma online di ricerca, dove ogni singolo progetto espositivo viene raccontato nella sua preparazione, attraverso immagini, video, documenti, riflessioni, citazioni, ispirazioni. Un work in progress, sorta di diario di bordo, che coinvolgerà per tutta la durata del progetto i giovani curatori selezionati e che si concluderà con le immagini e i video documentativi di ogni singola mostra.



Dove
Officina Giovani

Piazza Macelli, 4, 59100 Prato PO, Italia


Orari
Dal mercoledì alla domenica
15.00-19.00

 

Biglietti
Ingresso gratuito

 

Opening

04 giugno 2015, h 18

 

Con il contributo di 

Unicoop Firenze

 




condividi