OK, ho capito

La produzione dell'odio. Antiziganismo tra passato e presente una conferenza di Eva Rizzin




26 febbraio 2020 h 18:30—20:00

mercoledi 26 febbraio, ore 18:30

condividi



informazioni

Nell’ambito del public program della mostra Romanistan di Luca Vitone, visitabile fino al 15 marzo 2020 presso il Centro Pecci, si terrà mercoledi 26 febbraio alle ore 18.30 l’incontro La produzione dell'odio. Antiziganismo tra passato e presente con la dott.ssa Eva Rizzin, responsabile scientifico dell’ Osservatorio nazionale sull’Antiziganismo istituito presso il CREAa, il Centro di Ricerche Etnografiche e di Antropologia applicata "Francesca Cappelletto" dell’Università di Verona.


 

Durante l’incontro saranno affrontate le radici strutturali alla base del discorso sulle comunità rom e sinte in Italia. La dott.ssa Rizzin ci aiuterà a riflettere criticamente sul ruolo che hanno i mass media nella costruzione delle narrative razziste e sull’impatto che i discorsi dei politici italiani,  nella formazione di stereotipi e pregiudizi contro le minoranze rom e sinti. 

Tutto questo verrà analizzato seguendo un approccio basato sul “riconoscimento della storia degli altri”  come elemento da cui partire per riflettere su ciò che viene catalogato invece come “alterità”.

I temi che verranno affrontati, spazieranno dalle pratiche odierne dell’antiziganismo e la  costruzione mediatica della diversità fino all’elaborazione del Porrajmos (come Rom e Sinti definiscono lo sterminio del proprio popolo durante la seconda guerra mondiale), dalla questione razziale con la persecuzione fascista dei Rom e Sinti oltre ai campi di concentramento italiani, fino ai mezzi per la decostruzione.
 

 

 

Eva Rizzin ha conseguito il dottorato in Geopolitica all’Università degli Studi di Trieste sul fenomeno dell’antiziganismo in Europa. È cofondatrice di osservAzione, centro di ricerca-azione contro la discriminazione di rom e sinti. Nel 2008 ha partecipato, come delegata, a una missione dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) per indagare sulla violazione dei diritti umani dei rom e dei sinti in Italia. Ha collaborato con Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni di Mantova, realtà impegnata nel contrasto alle discriminazioni. Nel marzo 2011, attraverso un’iniziativa organizzata dall’American Council of Young Political Leaders (ACYPL), supportata dal Dipartimento di Stato Americano, ha partecipato alla delegazione rom in visita alle istituzioni governative americane di Washington e dello stato del Kentucky. Ha partecipato a progetti di ricerca nazionali e internazionali: Respecting, protecting and promoting the right to free movement and residence in the Member States of the European Union: the case of the Roma - ERRC (European Roma Rights Centre) - FRA(European Union Agency for Fundamental Rights),  The immigration of Romanian Roma to Western Europe: Causes, effects, and future engagement strategies - MigRom). Attualmente è responsabile scientifico dell’ Osservatorio nazionale sull’Antiziganismo istituito presso il CREAa (Centro di Ricerche Etnografiche e di Antropologia applicata "Francesca Cappelletto" presso l’Università di Verona.

 

 

 

 

Ingresso libero

 

Per maggiori informazioni: https://bit.ly/2VbC00Y




Dove
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


vedi anche
MOSTRE
8 novembre 2019—15 marzo 2020
Luca Vitone

Romanistan



condividi