OK, ho capito
#guerra

Gravity for All

La crisi europea e gli artisti in fuga

TALK



10 novembre 2016 h 18:00

Tavola rotonda, in collaborazione con Villa Romana e Radio Papesse 

Discussione in lingua inglese

condividi



informazioni

Anche quest’anno oltre 100.000 rifugiati sono arrivati in Italia. Nessuno di questi rifugiati ha una voce quando arriva in un paese straniero.

Nessuno è rifugiato di professione. Gli artisti che hanno dovuto lasciare la propria casa, la propria vita, il proprio lavoro, vivono oggi in uno stato di transizione in cui è difficile alimentare o ricostruire la propria pratica. Né è chiaro, d’altronde, quanti artisti abbiano raggiunto l’Italia e il resto d’Europa negli ultimi anni. Quel che è certo è che manca una rete professionale e umana che possa accoglierli e che con essi possa confrontarsi, sia perché l’Italia non è meta finale ma piuttosto zona di transito vero il Nord Europa, anche per gli artisti, sia perché non esiste un sistema di supporto che oltrepassi le relazioni e le volontà private.

 

Quali sono le urgenze degli artisti appena arrivati? Come promuovere la conoscenza e il rispetto verso produzioni artistiche e culturali e come dare loro voce oltre il cosiddetto internazionalismo del Novecento? Di fronte alle politiche migratorie europee, che posizione prendere, come operatori culturali e artisti? Se la crisi europea delle migrazioni rimane uno scandalo, noi – gli artisti ed operatori culturali – come ci comportiamo? Come creare reti (europee e oltre) e dare voce a pratiche artistiche oltre il vecchio cosiddetto "internazionalismo" del Novecento? Se l’educazione culturale è alla base di ogni società, come promuovere il rispetto verso i produttori artistici/culturali? Quali sono le urgenze da parte degli artisti appena arrivati in un paese quasi sconosciuto? Quali possono essere i partner per futuri collaborazione? Sono queste le domande intorno a cui ruoteranno gli interventi della tavola rotonda in programma per il 10 novembre.

La tavola rotonda è una collaborazione tra Villa Romana, Firenze e il Centro Pecci, Prato.

 

Vi prenderanno parte e daranno il loro contributo alla discussione:

Alessandro Triulzi, docente di Storia dell'Africa all'Università degli Studi di Napoli e presidente di archiviomemoriemigranti.net, Roma 
Yves Légal, animatore dei laboratori artistici di Civico Zero, Roma 
Morteza Khalegi, cineasta afgano, Roma 
Sara Alberani, curatrice indipendente e co-fondatrice della piattaforma artistica Nation25 e del Nationless Pavilion 
Caterina Pecchioli, artista e co-fondatrice di Nation25
Lanna Idriss, banchiera, promotrice della rete FLAX / Foreign Local Artistic Xchange, Francoforte
Ivan Martin, economista al Migration Policy Centre, Robert Schuman Centre for Advanced Studies, European University Institute, Fiesole
Lorenzo Romito, Stalker/Osservatorio Nomade, Roma 
Thomas Büsch, giornalista e animatore di dynanmic.diyalog-der.eu, Istanbul 

 

Moderazione: Angelika Stepken, Villa Romana, Ilaria Gadenz & Carola Haupt, Radio Papesse

 

Gravity for All è un’iniziativa di Villa Romana - residenza per artisti e centro per l'arte contemporanea senza scopo di lucro a Firenze – in collaborazione con Radio Papesse. 

 

Immagine di copertina: Andrea d’Amore, Europe Flag Emergency, 2015, Coperte isotermiche film di poliestere metallizzato e ritagli, 160 x 210 cm




#guerra
WEB TV / UOMINI IN GUERRA

WEB TV / UOMINI IN GUERRA

WEB TV / UOMINI IN GUERRA

WEB TV / UOMINI IN GUERRA

WEB TV / UOMINI IN GUERRA

Talk / UOMINI IN GUERRA
8 novembre 2016 h 18:00
Talk / UOMINI IN GUERRA
16 febbraio 2016 h 17:30—19:00
Talk / UOMINI IN GUERRA
2 febbraio 2016 h 18:00
Talk / UOMINI IN GUERRA
19 gennaio 2016 h 18:00
Talk / UOMINI IN GUERRA
5 dicembre 2015 h 17:00
Talk / UOMINI IN GUERRA
27 ottobre 2015 h 18:00
Dove
Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Viale della Repubblica, 277, Prato


Ingresso

libero

 

Informazioni

info@centropecci.it



condividi