Sale Espositive
dal 22 febbraio al 9 maggio 2004

21 febbraio 2004:
Anteprima per la stampa: dalle ore 10.00 alle 15.00
Inaugurazione dalle ore 17.00 alle 20.00

22 febbraio 2004:
Apertura al pubblico

Il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci inaugura dopo la riapertura il suo secondo grande appuntamento nelle sale espositive con due mostre parallele che presentano il lavoro di due grandi artisti italiani degli anni Cinquanta e Sessanta: Domenico Gnoli e Francesco Lo Savio. Le esposizioni, l’una curata da Stefano Pezzato e Daniel Soutif, l’altra da Bruno Corà, costituiranno le più grandi retrospettive italiane degli ultimi anni a loro dedicate.

Il motivo sostanziale che ha portato a questa scelta è stato lo straordinario percorso di Gnoli e Lo Savio, appartenenti alla stessa generazione e assimilabili per la loro assoluta individualità ma antitetici per le caratteristiche specifiche delle loro produzioni.

A questo proposito, il direttore del Centro, Daniel Soutif, sottolinea come “la dialettica tra queste due originali figure di altissimo livello non inscrivibili a nessuna corrente nazionale ed internazionale, sia un’ulteriore testimonianza della creatività italiana.”

Il Centro di Prato ha invitato Verschaere a ricreare nella Project Room un ambiente in cui, attraverso video, tessuti, ceramiche colorate e wall drawings, il suo mondo onirico abitato da insetti, folletti, teschi e da una Princess dai tratti autobiografici.

Di Domenico Gnoli, saranno in mostra oltre 220 opere che ripercorreranno tutte le fasi della sua produzione: dai disegni, di cui molti inediti, alle scenografie e bozzetti teatrali, alle numerose illustrazioni per riviste, dai primi dipinti alle rare sperimentazioni astratte di fine anni ‘50, dalla serie di sculture eseguite nel 1968 ai più noti dipinti degli anni 1966-69. Sarà inoltre riunito, dopo la mostra di Madrid del 1990, il dittico dipinto nel ’67 composto dai due piccolissimi e preziosi Giuditta e Oloferne e Split Personality.

Il catalogo, pubblicato dal Centro, conterrà saggi critici di Daniel Soutif, Stefano Pezzato, Marco Bazzini e una biografia di Claudio Zambianchi.

Di Francesco Lo Savio, saranno esposte oltre 50 opere appartenenti a tutte le fasi della sua breve carriera: i lavori astratti dei primi anni, alcuni esempi di Spazio-luce, Filtri, Metalli, Articolazione Totale, i modelli architettonici d’unità abitative degli ultimi anni e, infine, numerosi documenti inediti (fotografie, scritti e progetti) che permetteranno per la prima volta di avere una visione completa della carriera di questo artista che, lo ricordiamo, ispirò il lavoro dei minimalisti americani, tra i quali Richard Serra che gli dedicò un’opera dopo aver conosciuto il suo lavoro alla Galleria La Salita di Roma.

Questa retrospettiva, che riunirà più della metà dell’opera completa dell’artista, sarà anche l’occasione per realizzare dopo molti anni una nuova campagna fotografica che darà vita ad un catalogo con materiale iconografico aggiornato che, per questa ragione, sarà pubblicato dopo l’inaugurazione della mostra e conterrà, tra gli altri, anche un saggio introduttivo di Bruno Corà, un testo critico di Udo Kultermann e una biografia di Silvia Lucchesi.

ORARI
lunedì - venerdì dalle 12.00 alle 19.00
mercoledì dalle 12.00 alle 21.00
sabato e domenica dalle 10.00 alle 19.00
martedì: chiuso
ingresso: intero 7,00 euro, ridotto 5,00 euro

Ufficio Stampa: Ku.ra, Rosi Fontana – t. 050-9711343 fax 050-9711317
info@rosifontana.it - www.rosifontana.it
Ivan Aiazzi – t. 0574 531828 fax 0574 531901
e-mail: press@c-arte.it

a

 

Domenico Gnoli

Mise en plis, 1964
Tempera e sabbia su tela / Gouache and sand on canvas
125 x 125 cm
Collezione Gori Fattoria di Celle, Santomato di Pistoia

a

 

Domenico Gnoli

Cravatte, 1967
Acrilico e sabbia su tela / Acrylic and sand on canvas
174 x 90 cm
Courtesy Fundaciòn Yannick y Ben Jakober, Mallorca

a

 

Domenico Gnoli

Coat, 1968
Acrilico e sabbia su tela / Acrylic and sand on canvas
153 x 124,5 cm
Collection Van Abbenmuseum, Eindhoven, The Netherlands



a

 

Francesco Lo Savio

Articolazione totale, 1962
Cemento, lastra di metallo, vernice nera / Cement, sheet-metal, varnished black
100 x 100 x 100 cm
Collezione Prada Allestimento della mostra al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato Foto: Luca Ficini

a

 

Francesco Lo Savio

Spazio Luce, 1959
Resine sintetiche su tela
121 x 101 cm
Collezione Giorgio Franchetti, Roma

a

 

Francesco Lo Savio

Filtro, 1962
Tele sovrapposte / Superimposed meshes
100 x 120 cm
Galleria Christian Stein, Milano

back top e-mail home del centro per l'arte contemporanea luigi pecci